Una cena al Museo 2! I migliori ristoranti nei musei d’Italia


Le nostre cene al museo non sono finite! Dopo avervi raccontato e fatto venire l’acquolina in bocca con i migliori ristoranti nei musei del mondo, siamo pronti a raccontarvi i migliori presenti in Italia.



L’Italia è la patria dell’arte e del buon cibo e quale connubio migliore tra queste due se non una cena al museo magari nel ristorante di uno chef stellato? Pronti a fare il pieno di cultura e riempirvi la pancia di buon cibo!

Ecco tutti i ristoranti nei musei da visitare in Italia!

1-Mudec Ristorante al Mudec di Milano

Foto di www.gamberorosso.it

Uno dei musei con ristorante annesso più conosciuti è sicuramente il Mudec a Milano. Il museo delle Culture di Milano, permette a tutti i suoi visitatori di scoprire e assistere alle più grandi mostre internazionali, ma non solo. All’interno delle sue mura il museo propone una selezione di oltre 7000 opere d’arte che comprendono anche tessuti, strumenti musicali, e oggetti d’uso di origine nazionale e internazionale.

Al momento, al Mudec di Milano è possibile assistere a diverse mostre d’interesse mondiale, come quella dedicata alla famosa Frida Khalo e la nuova mostra “Eravamo cacciatori di teste. Riti, vita e arte delle popolazioni Asmat”.

In questa location e atmosfera ricca d’arte e di tradizioni, non poteva certo mancare un ristorante d’eccezione. Il museo ospita infatti il ristorante gourmet di Enrico Bartolini, che ha conquistato ben due stelle Michelin. La sua cucina è da lui stesso definita un incontro tra la contemporaneità e la classicità o meglio l’esaltazione tradizionale dei sapori.

2-Ristorante Spazio7 alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo a Torino

Spazio 7 Foto di Thefork.com

La Fondazione Sandretto Re Rebaudengo a Torino è un’ala espositiva dedicata alle mostre e al sostegno dell’arte contemporanea dei nuovi artisti sul panorama italiano e internazionale. L’ente offre una sede espositiva ricca di mostre d’interesse artistico. Fra le varie mostre proposte al momento una delle più affascinanti è: Anche le Statue Muoiono, conflitto e patrimonio tra antico e contemporaneo.

All’interno di questa sezione espositiva, non poteva che esserci un ristorante d’eccezione portato avanti dallo Chef Alessandro Mecca. Spazio7 è un ristorante che riesce a conciliare al meglio i gusti contemporanei con quelli tradizionali, i gusti e i piatti proposti sono sempre originali e innovativi, ed esprimono appieno il carattere e l’estrosità dello chef.

Per mangiare al ristorante Spazio 7 il costo è di circa 45 euro a persona per un antipasto, una portata principale e il dessert, vini e bevande escluse.

3-Amistà 33 al Byblos Art Hotel di Verona

Amistà 33 foto di https://www.altissimoceto.it/

Il Byblos Art Hotel di Verona, come si comprende dal nome non è solo una galleria d’arte contemporanea ma un vero e proprio Hotel all’interno del quale si può soggiornare e mangiare al suo ristorante. L’hotel, all’interno delle sue sale espositive propone innumerevoli collezione d’arte contemporanea di artisti di fama internazionale come Marina Abramovic. La villa stessa è un’opera d’arte con interni e arredi da sogno. L’antica villa veneziana è diventata un piccolo gioiello di design e di arte contemporanea.

All’interno di questa magnifica dimora ottocentesca è possibile mangiare e ammirare l’arte allo stesso momento. Il ristorante Amistà 33 vi aspetta con le particolari cene performance ideate dallo chef Marco Perez. Qui sicuramente troverete una cucina moderna e sfiziosa, fresca e originale, pronta a far cantare le vostre papille gustative.

Il prezzo per un menù degustazione è di 70 euro a persona e 40 euro per il vino proposto dal Somelier.

Il ristorante però dispone anche di un menu alla carta, di un menù vegano o vegetariano e di un Menù degustazione da 10 portate al prezzo di 120 euro a persona, e 60 euro per il vino proposto dal Somelier.

4-L’imbuto al Lucca Center of Contenporary Art

Foto di www.limbuto.it

Il Lucca Center of Contemporary Art è un museo di arte contemporanea ospitato nel bellissimo Palazzo Boccella, nelle vicinanze della Piazza Anfiteatro. Questo museo offre la possibilità di assistere a diverse mostre dedicate all’arte contemporanea. Al momento è possibile partecipare alla mostra esclusiva “Mario Sironi e le illustrazioni per ‘Il Popolo d’Italia’ 1921-1940”. 

Oltre a un’ampia collezione di arte contemporanea e alle diverse mostre in corso, il Palazzo Boccella, conosciuto anche con il nome di “alla Fratta”, ospita il ristorante dello chef stellato Cristiano Tomei. Cristiano Tomei chef una stella Michelin, ospite anche del programma Cuochi d’Italia condotto da Alessandro Borghese, offre nell’imbuto un ristorante esclusivo e d’impatto.

Il ristorante L’imbuto, premiato con una stella Michelin, offre un menù dal forte carattere contemporaneo, proprio come il museo che lo ospita, ma al contempo offre anche piatti dai sapori ricercati e creati da materie prime d’eccezione.

I menu degustazione dell’Imbuto partono da 50 euro per cinque piatti salati, 70 euro per 7 assaggi e 90 euro per nove. Il prezzo è a persona e ad ogni degustazione sono abbinati diversi semi dolci.

5-L’open Bistro, al Palazzo delle Esposizioni a Roma

Open Bistrò http://ameripest.us/open-colonna-prezzi.html

Il Palazzo delle Esposizioni a Roma è sito in via Nazionale 194, questo si presenta con un edificio neoclassico, progettato da Pio Piacentini e inaugurato nel 1883. Il Palazzo offre innumerevoli mostre artistiche e culturali, e accoglie ogni anno milioni di visitatori.

Al momento al palazzo delle Esposizioni è possibile vedere: Una retrospettiva di Cesare Tacchi, la Mela di Magritte, e l’Human (il futuro della nostra specie). Oltre a poter assistere a mostre d’arte esclusive è possibile anche assaggiare ottimi nel ristorante del famoso Open Colonna dello chef Antonello Colonna. Questo ristorante gourmet dispone di una sala ampia e spaziosa e con finestre luminose e un terrazzo che permette di godere del panorama di Roma, anche mentre si mangia su questo.

I prezzi variano a seconda dei menu degustazione proposti.

6-Amo Opera Restaurant al Museo della Fondazione Arena di Verona

Amo Opera Restaurant foto di Tripadvisor

Il museo della Fondazione Arena di Verona è ospitato nel bellissimo Palazzo Forti, luogo che già di per sé merita una visita. Oltre a poter visitare questo bellissimo palazzo si può godere delle mostre del museo e dei piatti proposti dal ristorante Amo Opera. In questo periodo è possibile vedere diverse mostre come quella dedicata agli amati dipinti di Fernando Botero.

Nella sezione dedicata all’archeologia, invece, è possibile vedere un’esposizione di foto dedicate alla storia di Verona e della sua Arena. Anche il ristorante merita una sosta, specialmente dopo una visita al museo, o dopo aver visto un’opera al teatro. Il menu prevede un mix tra creatività e la cucina tradizionale veneta.

Il menù di Amo Opera è disponibile a partire da 30 euro a persona, bevande escluse.

7-Giacomo Arengario, al Museo del Novecento a Milano

Foto arengario di http://www.agrodolce.it/locale/giacomo-arengario-milano/

Se vi trovate a Milano dovrete assolutamente visitare il Museo del 900. Il museo del Novecento viene ospitato dal Palazzo dell’Arengario situato in piazza del Duomo. Questo Palazzo ospita una collezione molto ampia, circa 4000 mila opere dedicate all’arte italiana, del ventesimo secolo.

Il museo è dedicato all’arte del 900 e permette ai suoi visitatori di vedere una delle più grandi collezioni del periodo. Oltre alla mostra espositiva, è possibile anche vedere diverse mostre temporanee, inoltre questo museo prevede un impegno per la conservazione, lo studio e la promozione del patrimonio artistico e culturale italiano.

Al museo sino al 26 Agosto del 2018 è possibile assistere alla prima mostra dedicata a Giosetta Fioroni, la mostra propone ben 160 opere in grado di raccontare al pubblico il suo intero percorso artistico.

Oltre a poter godere della bellezza artistica e culturale di questo luogo è possibile vedere anche assaggiare gli ottimi piatti proposti dal ristorante Giacomo Arengario. Il ristorante, propone un locale arredato in stile Decò, mentre la cucina è affidata alle sapienti conoscenze di Tiziano Bulleri e di Marco Monti. Qui è possibile gustare piatti di pesce fresco, ma anche diversi piatti rivisitati e dedicati alla cucina tradizionale milanese.

Per poter mangiare al Giacomo Arengario è possibile degustare due menù uno a 70, e l’altro a 90 euro a persona, vini e bevande escluse.

8-Terrazza Triennale alla Triennale di Milano

terrazza triennale
Terrazza Triennale di TripAdvisor

La Triennale di Milano è ospitata all’interno del Palazzo dell’Arte. Questo è un’istituzione culturale che presenta annualmente innumerevoli mostre, eventi dedicati all’arte, all’architettura, al cinema e alla società. Spesso è possibile anche assistere a eventi tenuti da designer di grande fame internazionale, stilisti, ecc…Alla triennale di Milano è possibile visitare anche il Triennale Design Museum e il Teatro dell’Arte. 

Alla Triennale di Milano è possibile anche godersi un momento dedicato al gusto e alla cucina gourmet, nel ristorante dello Chef Stellato Cerveni. Osteria con Vista, il ristorante della Triennale di Milano, offre un menù dedicato al Pranzo in Terrazza e un altro specifico per ogni stagione, dal nome Cucina di Stagione. Il menu originale e complesso offre modo di provare e assaporare gusti unici e ricercati.

Per assaporare i piatti dello Chef Stellato Cerveni, i prezzi sono a seconda dei piatti scelti sul menù, per un pranzo completo il costo è di 100 euro a persona circa.

La nostra cena al Museo in Italia è finita! 

Avete mai fatto una cena o un pranzo in uno di questi musei? Fatecelo sapere 😉

Alla prossima, 

Silvia 😀

Summary
Article Name
Una cena al Museo 2! I migliori ristoranti nei musei d'Italia
Description
Le nostre cene al museo non sono finite! Dopo avervi raccontato e fatto venire l'acquolina in bocca con i migliori ristoranti nei musei del mondo, siamo pronti a raccontarvi i migliori presenti in Italia.
Previous Ricordi di Cina: un'esperienza unica raccontata dal #diariodiviaggio di Viaggi Imperfetti!
Next Le nostre disavventure prima e dopo i Caraibi: un #diariodiviaggio di Città Meridiane

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *