Un piacere per gli occhi e per il palato soggiornare a Villa Crespi sul Lago di Orta


Il Lago di Orta è un piccolo angolo di paradiso nel cuore del Piemonte. Sulle rive di questo pacifico lago sorge Villa Crespi, un luogo noto soprattutto agli amanti della buona cucina. All’interno della villa si trova, infatti, il ristorante due stelle Michelin del famoso chef Antonino Cannavacciuolo. Oltre al ristorante, la villa ospita anche un hotel e una SPA per coccolare da tutti i punti di vista i visitatori di questa dimora storica. Soggiornare a Villa Crespi è, infatti, un piacere sia per gli occhi che per il palato. Oltre alla villa, però, il lago offre molte altre attrattive di cui vale la pena approfittare.

Mangiare e dormire a Villa Crespi sul Lago d’Orta

Avere la possibilità di soggiornare a Villa Crespi significa vivere un sogno ad occhi aperti: il vostro corpo e il vostro spirito ne usciranno ritemprati e vi ringrazieranno. Per quanto riguarda il cibo, basta citare il nome di Cannavacciuolo per richiamare qualità e gusto. Un cuoco che si è fatto conoscere soprattutto per la sua arte culinaria rinomata in tutto il mondo.

Nel ristorante di Villa Crespi si punta su un mix di tradizioni culinarie: quelle della Campania, terra di nascita dello chef stellato, e quelle del Piemonte, regione da cui proviene la moglie. Mangiare qui è un’esperienza sensoriale unica e irripetibile. Il ristorante due stelle Michelin viene poi incastonato in una cornice di lusso.

Se oltre a fermarvi al ristorante deciderete di passare qui la notte potrete trovare collocazione presso una delle 6 camere e 8 suite dell’hotel, nonché prenotare dei messaggi rigeneranti alla SPA. Le stanze sono tutte lussuose dallo stile principesco e arabeggiante.

L’importante, se si vuole soggiornare a villa Crespi, è prenotare con largo anticipo. Inoltre, consiglio di attrezzarvi con tutto il necessario per godere appieno di questa lussuosa vacanza. Tra le altre cose, vi suggerisco di portarvi dietro capi di abbigliamento eleganti adatti all’architettura scenografica e all’atmosfera fiabesca tipiche di questa villa. Se siete alla ricerca di spunti per rinnovare il vostro guardaroba, sappiate che potete trovare tanti vestiti da donna eleganti anche online su portali come yoox.com, che ben si adattano a questo contesto. Un altro consiglio che vi do è di portare con voi un costume, soprattutto nei mesi estivi, per approfittare delle varie opportunità offerte dal lago di cui ora vi parlerò.

La storia della villa e le attrazioni sul Lago d’Orta

Villa Crespi è un magnifico edificio in stile moresco, la cui costruzione risale alla fine del 1800. Nel corso dei decenni ha avuto il merito di ospitare diversi poeti, principi e uomini di cultura. Si parla di una villa dai toni fortemente arabeggianti, passata di proprietà in proprietà.

Nel 1999 Antonio Cannavacciuolo e la moglie Cinzia decidono di prenderla in gestione, trasformandola nel tempio “mediorientale” della buona cucina italiana. Naturalmente Villa Crespi non è l’unica perla presente nei dintorni del Lago di Orta.

Qui è infatti possibile trovare diversi borghi affascinanti, tutti da visitare. Fra questi spicca ad esempio il borgo di Gozzano, senza poi considerare Orta. Da sottolineare anche la bellezza del monte Mottarone e dell’Isola di San Giulio, raggiungibile con il traghetto in pochi minuti.

Qui è possibile ammirare il Palazzo della Riviera di San Giulio e la sua torre campanaria, risalente al 1500. Anche la parrocchia di Santa Maria Assunta merita una doverosa citazione. Nel corso dei mesi estivi, poi, ci sono tante spiagge attrezzate dove andare per godersi il sole e le belle giornate sulle rive del lago.

Il Lago d’Orta, dunque, offre diverse attrazioni turistiche tutte da scoprire. Soggiornando presso Villa Crespi sarà possibile immergersi in un’atmosfera unica al mondo, facendosi coccolare dalla SPA dell’hotel e dalla cucina di Antonino Cannavacciuolo.

Previous Sushi roll fai da te: origini e ricetta di un piatto cino-coreano
Next Cosa vedere a Bolzano oltre ai mercatini? Scoprire la città a dicembre.

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *