Lago Nero (Pistoia): come raggiungerlo? Alcuni consigli


lago nero

Sapete perché il lago in provincia di Pistoia porta questo nome? Con l’appellativo Nero, si cerca di indicare un aspetto caratterizzante di questo specchio d’acqua di montagna, ossia le sue acque profonde e fredde. Queste ricreano un effetto che fa sembrare il lago di colore nero. 


Siamo in una delle più belle zone dell’Appennino Tosco Emiliano, tra i boschi dell’Orto Botanico dell’Abetone e montagne dai paesaggi unici.

Un’escursione qui è solo per gli appassionati veri della natura e della montagna, perché raggiungere questo lago è un’avventura. Che però ripaga tutti i sensi. Venite a scoprire perché.

Perché venire a Lago Nero

Per arrivare a Lago Nero dovrete camminare attraverso boschetti di faggi e di maestosi abeti rossi, rocce di vario tipo, zone paludose e torrenti, osservando piante rare e, chissà, anche qualche animaletto particolare!

Una volta sul posto, ammirerete lo spettacolo dei monti che si riflettono sulle acque scure, delle piccole onde che accarezzano le rive erbose, e magari vedrete  nuotare dei particolari animali anfibi detti Tritoni, uno strano incrocio tra lucertole e rane, mentre sopra di voi volteggiano le aquile reali.

Se vi piacerebbe fare questa esperienza seguite le nostre istruzioni su come arrivare.

Come e quando andare al Lago Nero

Raggiungere Lago Nero non è affatto complicato. In aereo si può atterrare a Firenze oppure a Pisa e da lì noleggiare un’auto o trovare un autobus (linee SETA) per Pistoia.

In ogni caso da Pistoia poi ci si dovrà spostare verso le montagne con un mezzo seguendo le strade SR 66 e SS12. Se venite direttamente in macchina da altre regioni l’autostrada di riferimento è la A1 con uscite Firenze Nord quindi la A11 fino a Pistoia e poi le strade locali sopra indicate.

In treno, si scende alla stazione di Pistoia e da lì ci si organizza possibilmente in auto per raggiungere il Lago Nero. Se seguite il percorso dall’Orto Botanico Forestale Abetone, dovrete entrare nel parco e da lì imboccare il sentiero del CAI numero 104 (Bianco/Rosso) fino al rifugio che porta lo stesso nome del lago .

Il periodo migliore per visitare Lago Nero è sicuramente la tarda primavera o l’estate, perché le temperature sono gradevoli e mai troppo calde o rigide.

Lago Nero: biglietti e giorni di apertura

Il Lago Nero si può raggiungere da più sentieri, ma tenete conto che se usate quello dell’Orto Botanico dovrete pagare l’ingresso all’area protetta (4 Euro a persona, ridotto 3, gratis per alcune categorie come minori di 12 anni, disabili e insegnanti. Informazioni più dettagliate: ortobotanicoabetone@gmail.com ).

Se decidete di raggiungerlo per altre vie, consultatevi col CAI di Pistoia al telefono 0573 365582  oppure contattate i gestori del rifugio Lago Nero alla email bivaccolagonero@gmail.com . Ricordate che è importantissimo avere sempre una guida accanto, se non siete esperti della montagna.

L’Orto Botanico è aperto in estate tutti i giorni con orario: 9:30-12:30 e 15-18:30, e orario continuato di domenica.  In inverno invece rimane generalmente chiuso e apre solo in casi particolari e su richiesta. Anche il rifugio Lago Nero in inverno rimane chiuso, garantendo solo l’ingresso libero, ma senza assistenza, a un piccolo locale (privo di acqua potabile).

Previous Isole Borromee si possono visitare? Consigli per raggiungerle!
Next La Biblioteca Nazionale di Roma: come visitarla e perché?

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *