Isola di Réunion: cosa vedere? Un’alternativa alle Mauritius


isola di réunion

Dopo aver parlato dell’Isole delle Mascarene e delle Mauritius, dovevamo assolutamente dedicare un approfondimento anche all’Isola di Réunion.

L’isola di Réunion anche se fa parte dell’arcipelago delle isole Mascarene, in realtà è un dipartimento della Repubblica francese.


La maggior parte di coloro che scelgono di andare alle Mascarene optano naturalmente per la sua isola più famosa ossia le Mauritius. Spesso però, bisogna scegliere mete nuove e poco conosciute, per scoprire bellezze naturali mozzafiato, e un’accoglienza turistica degna anche di coloro che amano i viaggi di lusso.

L’isola di Réunion è spettacolare, perfetta per tutti coloro che hanno la passione per il trekking e per chi ama passare del tempo fra bellezze naturali, vulcani, scogliere, distese di sabbia e le acque cristalline e calme dell’oceano indiano. Fare trekking sulle montagne di Réunion è un’esperienza che può lasciare senza parole, specialmente se si raggiunge quest’isola tra aprile e settembre. Ma vediamo insieme cosa vedere all’Isola di Réunion!

Isola di Réunion: la capitale

isola della réunion

Un connubio molto interessante tra la dominazione francese e le usanze locali si nota nella capitale dell’Isola: St. Denis.

La capitale dell’isola di Réunion, si presenta molto simile alle cittadine che si possono trovare nella Francia continentale: i quartieri eleganti, i café, i panifici pronti a sfornare brioche e baguette e il lungomare sul quale si affacciano hotel di lusso, ristoranti e locali degni di una vacanza in bilico tra relax, lusso e divertimento.

St. Denis, forse per la sua influenza e per la dominazione francese, risulta essere una città al quanto cara proprio come quelle della Francia continentale. Però St. Denis non è solo una città in cui rilassarsi e divertirsi, ci sono anche delle cose da vedere e da non perdere assolutamente. Ad esempio si possono vedere le vie nelle quali sorgono innumerevoli ville e residenze creole, oppure si possono visitare i famosi giardini botanici, un luogo rilassante, nel quale si rischia di perdersi tra la meraviglia e l’ammirazione per la natura. Da St.Danis è possibile raggiungere la spiaggia, ma anche diversi siti naturali che circondano l’isola e permettono di fare trekking.

Una delle principali attrazioni di St. Denis per i turisti però è il mercato dell’artigianato, questo è conosciuto con il nome di Grand Marché. Chi è alla ricerca di articoli unici e particolari che possano ricordargli questa città, ma anche lo spirito dell’isola, allora non può perdersi questo mercato, nel quale capeggiano innumerevoli articoli come quelli in legno, i cestini, i mobili, ecc…

Isola di Réunion: il vulcano e i percorsi di trekking

L’Isola di Réunion offre diversi spettacoli naturali, uno dei più interessanti è sicuramente quello che riguarda il vulcano Piton de la Fournaise. Questo vulcano è alto ben 2632 m. è attivo e molto conosciuto per le eruzioni frequenti.

Proprio a causa delle sue frequenti eruzioni, questo è uno dei vulcani più sorvegliati del mondo. Per accedervi bisogna arrivare al Parco Nazionale della Réunion aperto al pubblico solo quando non c’è il rischio di eruzioni imminenti.

Il sito del Piton de la Fournaise è sicuramente uno dei più visitati dell’Isola, oltre che uno dei più famosi, anche il paesino che si trova nelle vicinanze è molto bello e turistico, questo si chiama Bourg Murat, luogo ideale per pranzare dopo ore e ore in cammino.

Se si desidera fare trekking sul percorso del vulcano, è possibile partire dal passo di Bellecombe e scegliere tra i due circuiti che disponibili.

Il più semplice prevede una camminata di circa 3 ore e mezza, e permette di vedere un panorama fantastico, i crateri simili a quelli della luna e sopratutto dalle sue alture si può osservare l’oceano indiano. Il secondo percorso ossia il balcone del Dolomieu dura all’incirca 5 ore andata e ritorno ed è abbastanza difficile, per questo motivo si consiglia solo a coloro che hanno già esperienza nel trekking.

Isola di Réunion: Saint Pierre

Saint Pierre, o San Pietro, è una delle città dell’isola di Réunion ed è la terza per estensione, inoltre comprende il secondo aeroporto dell’isola quello di Pierrefonds. Quest’isola presenta anche un bellissimo porto dalla quale è possibile prendere uno yatch o un’imbarcazione per fare il giro dell’isola e vivere da vicino l’Oceano Indiano.

La città, spesso poco considerata da chi non conosce l’isola, offre in realtà diversi punti d’interesse turistico come ad esempio la Chiesa di San Paolo e Pietro, costruita nel 17° secolo e caratterizzata da un’architettura al quanto particolare che si discosta leggermente da quella europea.

Oltre ad una chiesa cattolica, in città è possibile visitare anche la Moschea di Saint Pierre, questa presenta un minareto appuntito che può essere visto anche da lontano, la sua architettura dalle linee semplici e orientali.

Un posto imperdibile da vedere assolutamente è il museo del Rum. Questo è davvero molto interessante in quanto parla proprio del Rum Réunion un prodotto tipico dell’isola. Nel museo è possibile conoscere la storia che lega l’isola alla produzione del rum, si può notare il processo di realizzazione di questa bevanda e sopratutto si può assaggiare e degustare un bicchiere, alla fine della visita.

Infine, un’esperienza che consiglio vivamente è il volo con l’elicottero che permette di vedere tutti i bellissimi altorilievi dell’Isola. Per prenotare bisogna andare alla sede dell’ULM e scegliere uno degli elicotteri e dei tour disponibili. Questa è un’esperienza unica che farete fatica a dimenticare ed è un modo ottimo per scoprire l’isola e la sua maestosità.

Le spiagge dell’isola della Réunion

isola della réunion

Chi si reca nelle Isole Mascarene sicuramente vuole godersi anche delle giornate rilassanti in spiaggia. Tra le spiagge più belle dell’isola ci sono:

La costa di Etang Salé: questa presenta una spiaggia di sabbia nera ed è ideale per chi vuole fare surf in quanto è tempestata spesso da onde e correnti ideali per chi ama questo sport.

La spiaggia di Grande Anse: questa presenta una baia circondata da un’ambiente naturale sorprendente, ma non solo, su questa spiaggia potrete fare un bagno nella bellissima piscina naturale delimitata dalle rocce, che permettono di rilassarvi in totale tranquillità nell’oceano.

Se amate le spiagge di sabbia bianca e circondate da alberi che ombreggiano la baia, allora dovete scegliere la spiaggia dell’Hermitage che presenta anche una bellissima laguna e la possibilità di fare snorkeling alla scoperta della barriera corallina.

Infine, la spiaggia più bella dell’Isola di Réunion è Boucan Canot, ma durante la stagione turistica è molto affollata. Se invece cercate una zona tranquilla ma al contempo meravigliosa dovete optare per la spiaggia Petit Boucan, dove gli scogli formano piscine naturali di acqua cristallina.

Vi ho fatto venire voglia di visitare l’isola di Réunion? Oppure ci siete già stati? Fatemelo sapere con un commento!

Alla prossima

Silvia

Summary
Isola di Réunion: cosa vedere? Un'alternativa alle Mauritius
Article Name
Isola di Réunion: cosa vedere? Un'alternativa alle Mauritius
Description
Dopo aver parlato dell'Isole delle Mascarene e delle Mauritius, dovevamo assolutamente dedicare un approfondimento anche all'Isola di Réunion. L'isola di Réunion anche se fa parte dell'arcipelago delle isole Mascarene, in realtà è un dipartimento della Repubblica francese.
Author
Previous Praga magica ed esoterica: un modo diverso di vedere la città
Next "The Big America" perché le dimensioni contano! Un racconto di "Itinerario di Viaggio"

28 Comments

  1. maggio 7, 2018
    Rispondi

    Bell’articolo e ricco di informazioni utili. Soprattutto quelle riguardo alla possibilità di fare trekking, una delle mie attività preferite!

  2. maggio 7, 2018
    Rispondi

    Dev’essere bellissimo fare trekking tra i vulcani e poi potersi godere la spiaggia e la meraviglia dell’oceano indiano.

  3. maggio 7, 2018
    Rispondi

    Ricordo di aver studiato i DOM e TOM (dipartimenti e territori d’oltre mare, che ora pare abbiano un altro nome) ai tempi del liceo, stupendomi del loro essere al contempo esotici e continentali. Questo tuo ritratto dell’isola di Réunion è interessantissimo, le foto sono altrettanto belle e, davvero, tutto ciò che ci rimane da fare è partire. 😉

  4. maggio 7, 2018
    Rispondi

    Articolo molto interessante. Non avevo mai riflettuto sul fatto che fosse una colonia francese e che avrei potuto rivivere la stessa atmosfera, con qualcosa in più. Grazie di averlo condiviso.

  5. Gia
    maggio 7, 2018
    Rispondi

    Interessante meta di viaggio. Utile per conciliare il riposo in spiaggia con il trekking che io adoro. Grazie

  6. maggio 7, 2018
    Rispondi

    Come sempre ci fai vivere storie e luoghi meravigliosi. complimenti per i tuoi articoli

  7. maggio 9, 2018
    Rispondi

    Mi affascina l’idea di fare trekking sul vulcano e l’isola sembra favolosa!

    • Silvia Faenza
      maggio 14, 2018
      Rispondi

      Ti auguro di andarci il prima possibile 😀 è davvero stupenda!

  8. Mi piacerebbe moltissimo visitare queste isole. Anch’io avrei pensato alla più nota Mauritius

    • Silvia Faenza
      maggio 14, 2018
      Rispondi

      Anche le Mauritius sono bellissime, ma l’Isola di Reunion permette di unire il piacere del mare a quello della natura, e delle sue cittadine in stile francese.

  9. maggio 9, 2018
    Rispondi

    Sicuramente mi dividerei bene tra spiaggia e trekking. Non conoscevo quest’isola. Un posto alternativo!

    • Silvia Faenza
      maggio 14, 2018
      Rispondi

      Per gli amanti del trekking, questa è un’isola che permette di seguire dei percorsi davvero affascinanti!

  10. maggio 11, 2018
    Rispondi

    La trovo molto affascinante quest’isola,io che poi non sono tipo da spiaggia e sole tipo lucertola la trovo adatta anche per girare tra marche` e fare nuove scoperte….

    • Silvia Faenza
      maggio 14, 2018
      Rispondi

      Anche io non amo particolarmente le vacanze al mare, ma le sue tante sfaccettature, permettono di trovare un buon punto d’incontro tra la natura e il mare e poi le sue cittadine francesi sono davvero uniche. Un paese francese tra la natura selvaggia 😀

  11. maggio 11, 2018
    Rispondi

    Cerco di capire se fanno sport anche per me in sedia, e mi preparo a partire. Fare surf li deve essere meraviglioso

    • Silvia Faenza
      maggio 14, 2018
      Rispondi

      Non sono informata su quest’aspetto, ma mi auguro che ci siano 😀 Perché è un’isola stupenda e spero che tu possa visitarla al più presto 😀

  12. maggio 12, 2018
    Rispondi

    Bell’articolo! Mi hai fatto scoprire un’isola che fino a 5 minuti fa non conoscevo, e nella quale mi piacerebbe molto andare! 🙂

    • Silvia Faenza
      maggio 14, 2018
      Rispondi

      Grazie mille 🙂 Ti auguro di andarci è veramente un misto di attrazioni che possono appassionare un po’ tutti 😀

  13. Lamberto
    maggio 14, 2018
    Rispondi

    L’Africa ha sempre un fascino nascosto, anche nelle sue zone meno conosciute dove invece la natura e la bellezza hanno un richiamo più forte. Complimenti!

  14. maggio 14, 2018
    Rispondi

    Viaggiare con la mente si può, anche grazie ad articoli come questo. Spero di poter visitare presto di persona questi luoghi!

    • Silvia Faenza
      maggio 14, 2018
      Rispondi

      Grazie mille 😀 Ti auguro di poterli visitare al più presto 😀

  15. Valeria
    maggio 14, 2018
    Rispondi

    Ho sempre e solo sentito parlare delle Mauritius… che bella scoperta!

  16. maggio 14, 2018
    Rispondi

    BELLISSIMO!!! Lo abbiamo letto tutto di un fiato e ci ha conquistato, proprio come l’articolo sulle Mauritius!! 😍😍

    • Silvia Faenza
      maggio 14, 2018
      Rispondi

      Grazie mille 🙂 Sono felice che vi sia piaciuto <3 Spero che abbiate la possibilità di visitare al più presto queste isole 🙂

  17. maggio 14, 2018
    Rispondi

    Wow che paesaggio spettacolare, ti vien voglia di preparare la valigia al volo e prendere il primo volo disponibile ahahah

    • Silvia Faenza
      maggio 14, 2018
      Rispondi

      Grazie mille 🙂 Effettivamente è un paesaggio mozzafiato! *_*

  18. Gianna Bonesso
    settembre 2, 2018
    Rispondi

    Io e mio marito siamo stati a settembre 2017 a Mauritius,ma anche quest’anno ci torniamo. Ci e’ piaciuta molto e per questo volevamo finire di visitarla , affascinati dai profumi e dai colori ,ci ha regalato dei ricordi bellissimi e con la loro cultura il tutto arrichito da tramonti indmenticabili.,Consiglio di visitarla,

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *