Cosa vedere a Rimini? Scopri le attrazioni principali e cosa mangiare in città!


cosa vedere a Riminu

Rimini è una delle città più conosciute della Riviera Romagnola, durante il periodo estivo la sua zona marina accoglie turisti provenienti da tutto il mondo. Tutti infatti, conosco la bellezza di Rimini, del suo lungomare, le spiagge e il divertimento notturno, la città però non si limita a questo.

Rimini ha una lunga storia alle sue spalle rimarcata dalla presenza di chiese, piazze, castelli, monumenti storici e dal suo centro storico dove è possibile scoprire la bellezza di questa città sia durante l’estate sia durante l’inverno.  La città ha così tanto da offrire che può essere considerata una meta da visitare tutto l’anno. In questa città le strutture ricettive infatti, sono operative tutto l’anno e i visitatori cercano hotel, B&B ma anche case in affitto a Rimini non solo d’estate ma anche durante periodo invernale!

Ma scopriamo cosa vedere a Rimini, oltre alle spiagge, al mare, il lungomare e i locali che vi si affacciano!

Cosa vedere a Rimini? Le attrazioni della città da non perdere

cosa vedere a Rimini

Come accennato, quando si sceglie di andare a Rimini, le attrazioni offerte dalla città sono diverse. Per vederle tutte il consiglio è di spostarsi principalmente a piedi in questo modo potrai ammirare anche degli squarci unici che non possono essere descritti in un itinerario, ma vanno vissuti durante la visita della città.

Tra le principali attrazioni di Rimini troviamo: 

1.Arco di Augusto

L’arco di Augusto si configura come l’arco romano più antico esistente. L’arco è stato costruito nel 27 a.C, con una dedica all’imperatore romano Augusto. L’arco romano segnalava la fine della via Flaminia che collegava la città a Roma, questo oggi confluisce nel corso d’Augusto e indica l’imbocco di un’altra via famosa dell’Emilia Romagna ossia la via Emilia. L’arco è architettonicamente molto interessante, oltre ai riferimenti tipici dell’arte romana, nella zona superiore è possibile vedere la merlatura che risale al Medioevo, costruita nel periodo in cui la città era sotto il dominio dei Ghibellini. L’arco d’Augusto oggi, insieme al ponte di Tiberio è uno dei simboli di Rimini.

2.Tempio Malatestiano

Il Tempio Malatestiano convertito in cattedrale nel 1809 e ribattezzato con il nome di Santa Colomba, è uno dei luoghi di culto principali della città. Il monumento prende la sua forma odierna sotto la signoria di Malatesta, che chiese agli artisti Piero della Francesca, Alberti, Matteo de’ Pasti e Agostino di Duccio di lavorare a questo edificio pensando a creare un luogo che potesse diventare il suo sepolcro, quello per la sua stirpe e per i suoi dignitari. Dato questo intento, all’interno della chiesa l’apparato decorativo posto in origine aveva pochi riferimenti religiosi, ma era più che altro un monumento, ossia un tempio celebrativo della casata di Malatesta. Oggi diventando una cattedrale, si possono notare le aggiunte dedicate alla religione cristiana, che però non fanno parte del suo assetto generale.

3.Ponte di Tiberio

Il Ponte di Tiberio è una costruzione che risale all’antica Roma. La costruzione del ponte iniziò nel 14 d.C sotto l’imperatore Augusto, ma fu terminato nel 21 d.C sotto il governo di Tiberio. Infatti, il nome della costruzione per intero è Ponte di Augusto e Tiberio, nonostante ciò è conosciuto solo con il nome di Tiberio. Questo ponte è un simbolo importante della città tant’è che viene raffigurato nello stemma di Rimini. Il ponte si presenta in pietra d’Istria, con uno stile armonico a cinque arcate ed edicole cieche tra i vari archi. La pavimentazione ai pordi invece è realizzato con pietre e iscrizioni latine. Il ponte di Tiberio al momento viene percorso anche dalle automobili, dal 2014 però si lavora in modo tale da portare alla pedonalizzazione completa del ponte.

4.Castel Sismondo

Castel Sismondo a Rimini prende il nome dal suo costruttore e ideatore, ossia dal signore di rimini Sigismondo Malatesta. Oggi del castello originario è rimasto solo il nucleo centrale, infatti in passato presentava un secondo giro di mura di cinta e un fossato per proteggersi. Il Castel Sismondo fu costruito nel 1437, in un grande periodo di prosperità e si presentava sia come fortezza sia come palazzo, per riuscire a imporre visivamente sulla città la sua potenza e supremazia.

5.Centro Storico di Rimini

Per riuscire a scoprire appieno questa città non devi assolutamente perderti il Centro Storico di Rimini. Il Centro storico esprime sicuramente cultura e storia, ma anche divertimento! Il centro storico di Rimini infatti si anima tutte le sere sia d’estate sia durante l’inverno, i turisti e i cittadini si riversano nelle sue piazze principali e camminano vicino ai monumenti e ai musei del capoluogo romagnolo. Inoltre, nel centro storico di Rimini sarà possibile divertirsi, scoprire i locali, bar e ristoranti della città.

Cosa mangiare a Rimini? I piatti principali da provare!

Rimini non è famosa solo per le sue spiagge e per il divertimento, ma anche per il suo cibo! Venire a Rimini ti permette di scoprire appieno anche la golosità della cucina romagnola, conosciuta in tutta Italia e alcuni piatti anche in tutto il resto del mondo.

Tra i principali piatti da gustare a Rimini ci sono:

1.Piadina: simbolo di Rimini e della Riviera Romagnola, la piadina è una sfoglia di pasta realizzata con farina, strutto, acqua e sale. Questa sfoglia viene mangiata sia in accompagnamento ai secondi piatti, oppure riempita con preparazioni salate e salumi.

2.Pasta all’uovo: in Romagna non si può non assaggiare i primi piatti con la pasta all’uovo. Tra i vari formati da provare ci sono: tagliatelle, maltagliati e lasagne fatte a mano.

3.Passatelli: un piatto della tradizione Romagnola sono i Passatelli, questo è un impasto composto da formaggio, pane grattugiato, sale, pepe e uova a cui poi viene data la forma con l’uso di uno schiacciapatate e successivamente si tagliano con un coltello versandoli direttamente nel brodo.

4.Cappelletti: i cappelletti sono una pasta ripiena o di carne o di ricotta e aromi, questi vengono gustati principalmente nel brodo di carne, sopratutto durante il periodo natalizio.

5.Brodetto: il brodetto è una zuppa di pesce in rosso che presenta varie specie di pesci come cozze, vongole, cicale ecc…

6.Pesce a volontà: nei locali sul lungomare di Rimini non può certo mancare il pesce! Qui potrai provare vari piatti a base di pesce, come le grigliate, i primi piatti, i secondi ecc…

Adesso che sai cosa vedere e mangiare a Rimini non ti resta che visitare la città!

Summary
Cosa vedere a Rimini? Scopri le attrazioni e la cultura culinaria della città!
Article Name
Cosa vedere a Rimini? Scopri le attrazioni e la cultura culinaria della città!
Description
Cosa vedere a Rimini? Scopriamo insieme quali sono i punti d'interesse principali e quali piatti è possibile degustare in città!
Author
Previous Cosa vedere a Toledo: alla scoperta del capoluogo della provincia autonoma Castiglia-La Mancha
Next Orologio astronomico di Praga: storia e informazioni per visitarlo